news
news del 23.03.2015
Versione stampabile Invia per email

Arcipelago 6.50: successi finali per Illumia e Sideral

Con l’arrivo dell’ultimo classificato Bacon & Eggs alle 13:37 di ieri e con la successiva premiazione presso il Circolo della Vela di Talamone, si è conclusa l’edizione 2015 dell’Arcipelago 650, un percorso di 160 miglia tra le isole toscane, valido come seconda tappa del circuito italiano Mini 6.50. La vittoria assoluta e tra i Prototipi è andata a Illumia di Michele Zambelli, già vincitore della Fezzano-Talamone, per l’occasione in coppia con Luca Filippi, alla prima esperienza sul Mini. “Cerco di importare punti di vista esterni alla classe e fare salire a bordo persone che hanno esperienze diverse. Anche perché”, ha dichiarato Zambelli, ”a volte noi Ministi ci focalizziamo su delle stupidaggini, solo perché fanno tutti così. Poi arriva uno da fuori e ti chiede: ma perché  fai questo in quel modo piuttosto che in un altro? E ti rendi conto che ha ragione. Dopo l’esperienza in cantiere, è questo che mi interessa del progetto in questa prima fase della stagione: imparare e prendere spunti dagli altri”. Al secondo e al terzi posto due nuovi Pogo 3 progettati da Guillaume Verdier e costruiti da Structures, Mahi-Mahi dei francesi Fernbach-Hartberg e Pegaso dell’equipaggio della Marina Militare formato da Andrea Pendibene e Giovanna Valsecchi. Costretto al ritiro invece uno dei favoriti della vigilia, il prototipo 756 Onlinesim di Alberto Bona e Nico Gerin che ha gettato la spugna dopo il passaggio a Capraia. Questo il commento dell’atleta dello Yacht Club Italiano: “Abbiamo fatto la regata senza aver passato il test di raddrizzamento, con la randa limitata alla prima mano di terzaroli, tenendola sempre a mano e senza poter usare la drizza di testa e quindi lo spi grande. Siamo andati a vele ridotte, volevamo comunque testare la barca e le modifiche strutturali effettuate. Nonostante la limitazione sostanziale delle prestazioni imposte dalla prova di stazza siamo comunque riusciti a tenere il contatto con la flotta e Onlinesim si è dimostrata davvero veloce. 20 miglia dopo Capraia purtroppo si è sfilato l’astuccio che permette alla deriva di scorrere e questo ci ha costretto al ritiro. Il problema è risolvibile e ci stiamo già lavorando. Per noi queste regate rappresentano un modo per testare la barca e tutti i cambiamenti fatti: stiamo mettendo a punto Onlinesim. Ora torniamo a Genova e facciamo le ultime modifiche: per il Grand Prix Mini 650 la barca sarà perfetta”.
Per quanto riguarda gli scafi di serie, successo finale per Sideral, l’Argo 650 di Andrea Fornaro in coppia con Oliver Bravo de Laguna, che si è imposto dopo una bella lotta a tre con Alla Grande di Sanfelice-Beccaria e Black Bull di Frassinetti-Riccobon. “Bellissima regata, ci siamo divertiti tanto, e per me è stato bello avere Oliver a bordo”, ha dichiarato Andrea Fornaro. “Abbiamo imparato molto da questa esperienza, la barca ha navigato bene come sempre, ci è mancata un po’ di velocità in poppa ma sappiamo dove mettere le mani per le prossime volte. Finalmente vinco a casa mia e questo è davvero un piacere perché sono socio del Circolo Velico Talamone e quindi vincere qui è doppiamente una soddisfazione”.

Prenotazione Libri Giunti-FIV

Convenzioni

Progetto Velascuola

Progetto Velascuola